lunedì 19 maggio 2008

Google e le corna del mondo


Chi non entra nel motore di ricerca più potente del pianeta non è nessuno. E difatti se non entri in Google non esisti. E se non esisti non vai da nessuna parte. Google è il nuovo padrone del mondo, padrone del tuo cervello, del tuo cuoio capelluto e delle screscenze ossee. La dittatura di Google è stata morbida ma graduale. Ora è assoluta. Tutto si muove ormai con Google e con le cosiddette indicizzazioni (parola che ho imparato da poco e che, in parole povere, significa essere inseriti con il proprio link nei milioni di miliardi di pagine che ci sputano i motori di ricerca quando li consultiamo). Digiti una parola sulla bocca famelica del motore di ricerca e ti si apre un mondo che non è quello effettivo ma quello scelto da Google o da Yahoo o o da Microsoft o da qualsiasi altro motore (ma il motore Google sembra avere molti più cavalli). Non tutto entra. C'è dunque un mondo visibile e un mondo invisibile.
Essere in internet oggi come oggi è come fare la pipì nel deserto. Rischi di non esistere per eccessiva estensione dei granelli di sabbia (ogni granello un sito web!). E se non ti trovi in Google o sei troppo ai margini, non ti caga letteralmente nessuno per il semplice motivo che non ti vede nessuno. La prima volta che fai la pipì sopra le dune del deserto ti guardi in giro con aria circospetta e ti chiedi:"E se mi vedono?" La seconda volta la fai quasi tranquillamente. La terza volta ti lasci andare senza controllare: "Tanto chi cazzo deve passare con questo caldo?" Ed in effetti non passa nessuno. Ma non si può sapere mai. Mentre la fai a fontanella col miraggio di un lussuoso bagno in lontananza, potrebbe passare una carovana di google-beduini che potrebbe, a tua insaputa, assistere allo spettacolo zampillante e farsi una fragorosa risata. Ma non per gli zampilloni ma per le dimensioni della fontana. E poi come la metti? Dopo un iniziale imbarazzo, saresti sicuramente contento della presenza umana. Certificano con gli occhi che ci sei!
La verità è che se non sei solo è meglio. Anche in internet. La solitudine a lungo andare ti prosciuga, ti inaridisce. Sapere di non essere solo al mondo ti dà gli stimoli e la forza di andare avanti con il massimo delle energie vitali, intellettive e creative. Con Google vivi, pensi, scrivi, fai i compiti, lavori, trovi l’anima gemella, cerchi la tesi per laurearti, compri i cocomeri per l'insalata, scarichi la musica che fa per te, apri il video che ami… Ti puoi imbattere, anche e purtroppo, a sorpresa sulla prima visione di tua moglie con un altro… o di tuo marito con un'altra… e altro che vita sono guai! Anzi: corna planetarie! Certificate!

Iliubo

(© materiale originale, se adoperato al di fuori da questo blog riportare la dicitura: "autore iliubo - tratto da: www.iliubo.blogspot.com”)

2 commenti:

Massimo Raso ha detto...

Ma tu ci sei e puoi dormire tranquillo! Non è da tutti essere al primo posto e tu, invece...
Complimenti per il Blog (che ho scoperto solo per caso... e che cazzo! in questi casi si avvisa come per le nascite o i lutti!)...
Un affettuoso abbraccio!

iliubo ha detto...

Grazie per i complimenti. Nella vita, per le piccole e grandi cose, abbiamo sempre bisogno di caloroso sostegno. Complimenti anche a te per il tuo ricco e appassionato diario on line.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...